Notizie dai mancini

Michelangelo era mancino

Michelangelo Buonarroti

Michelangelo Buonarroti

La manualità di Michelangelo Buonarroti rimane controversa.

Ma un recente studio scientifico spiega l’evoluzione dell’artista da mancino a destrimane.

Sembra abbastanza chiaro che i disegni a lui attribuiti siano eseguiti con la mano destra, contengono tratteggi di chiaro-scuro eseguiti verso il basso da destra verso sinistra.

In letteratura, però, si è spesso trascurato che Michelangelo fosse mancino. Nella sua autobiografia, Raffaello da Montelupo indica che Michelangelo era mancino.

Egli indica anche come Michelangelo si fosse allenato ad usare la mano destra fin dalla tenera età.

L’allievo indica anche che il suo maestro, Michelangelo, si limitava ad usare la mano sinistra esclusivamente per attività in serviva forza per scolpire e cesellare il marmo.

I segni nel crocifisso ligneo donato a Santo Spirito nel 1492 e due disegni autografi di Michelangelo, sono strumenti molto utili per analizzare l’evoluzione della sua manualità da sinistra verso destra, nel disegno, nella scrittura e nella pittura.

Si tratta di un disegno associato ad un sonetto del 1509 dedicato all’amico Giovanni da Pistoia.

Disegno di michelangelo

Disegno di michelangelo

 

E una auto caricatura nascosta in un altro nel disegno eseguito per Vittoria Colonna, del 1525.

Disegno di Michelangelo

Disegno di Michelangelo

 

Lo studio di Davide Lazzari, pubblicato su una rivista scientifica, è la fonte di questa informazione.

L’autore indica che l’evoluzione peggiorativa di una artrosi degenerativa alla mano sinistra, obbligò l’artista ad usare principalmente la mano destra per produrre le opere artistiche.

Sebbene fosse innaturale, spacciarsi per destrimani, era una attività molto diffusa per i mancini rinascimentali. Si trattava del solo modo per essere socialmente accettati.

La quantità di pregiudizi in quel periodo era impossibile da immaginare, come erano sconosciute le scoperte scientifiche.

La fonte del sapere era la chiesa, il clero affermava che la mano sinistra fosse quella del diavolo.

Immaginiamo quindi cosa potesse fare un artista che aveva proprio il clero come principale committente, per evitare di essere perseguitato come eretico.

Oggi fortunatamente le cose sono cambiate, la scienza ha svelato come il mancinismo sia una prerogativa socio culturale dell’individuo.

La neurologia ha indicato come l’uso del cervello sia diverso per svolgere attività creative rispetto ad attività razionali.

Taggato con: , , ,

Mancinismo sulla Radio Svizzera Italiana

Il bello di essere mancini è il titolo della trasmissione radiofonica odierna nel programma di intrattenimento intitolato Tutorial trasmesso oggi, lunedì 28 agosto 2017 sul canale 1 di RSI (Radio Svizzera Italiana).

Daniele Oldani, Alessandra Marchese e Mirko Bordoli hanno condotto due ore di trasmissione filanti e divertenti dedicate ai mancini ed il contesto sociale di oggi. Durante la trasmissione si sono susseguite interviste a vari personaggi che hanno permesso agli ascoltatori di avere una visione d’insieme su come la pensano i mancini oggi.

Interessante anche il confronto finale «ieri/oggi» con una trasmissione sul mancinismo già avvenuta sempre sulla stessa radio RSI agli inizi degli anni ’90.

Ospiti dei tre giornalisti c’eravamo anche noi: ha parlato Ella Marciello, di professione Copywriter e amministratrice del nostro gruppo Facebook (che ad oggi conta più di 7.500 iscritti) ha brevemente illustrato con chiarezza agli ascoltatori quel che succede di solito nel gruppo, ovvero descrivendo ai digiuni di tutto ciò quel che giornalmente si sussegue all’interno del gruppo.

Illuminante anche l’intervento del neurologo Alain Kaelin, direttore medico al Neurocentro della Svizzera Italiana. Con un delizioso accento e precisione svizzera ha descritto come siano ancora ignote le cause del mancinismo e come siano invece più legate alle esperienze di vita degli individui concludendo che non esiste un bianco/nero ma innumerevoli sfumature di mancino.

Gli autori hanno messo a disposizione la registrazione della trasmissione nella pagina dedicata alla puntata: Tutorial, Il bello di essere mancini su RSI.

Un grande grazie doveroso va rivolto agli autori della trasmissione radiofonica poiché fino ad oggi tutti gli organi di stampa si erano interessati dei mancini soltanto in occasione del «famigerato» 13 agosto, ricorrenza internazionale ma sfortunata in Italia per via della vicinanza col Ferragosto. Momento in cui, da almeno 9 anni, è proprio difficile radunare mancini 😉

Taggato con: , ,

Lateralità del feto nel grembo materno

Un recente studio sullo sviluppo della lateralità nel feto contenuto nel grembo materno ha dimostrato che già dall’ottavo mese lo sviluppo neurale avviene in modo asimmetrico nei due emisferi del cervello.

Ciò potrebbe causare nella maggior parte delle nascite la preponderanza all’uso della parte destra del corpo poiché l’emisfero sinistro sarebbe quello che si sviluppa per primo.

Negli altri casi, la minor parte, potrebbe essere la causa della preponderanza all’uso della parte sinistra del corpo ma anche la predisposizione a schizofrenia.

La lateralità è una caratteristica fondamentale nell’organizzazione della mente umana, i disordini neuro psichiatrici come la schizofrenia a volte sono dovuti ad alterazioni della simmetria nel cervello.

Lo studio intitolato Left-right asymmetry of maturation rates in human embryonic neural development è stato pubblicato su una rivista di neuroscienze psichiatriche e terapeutiche: Biological Psychiatry edito da Elsevier inc.

Taggato con: , , ,

Logitech Trackman Marble

Logitech Trackman Marble

Logitech Trackman Marble

Trackman Marble di Logitech è un dispositivo di puntamento USB per PC e Mac come il mouse ma più efficiente, la sua forma simmetrica permette a qualsiasi mancino o ambidestro di condividere lo stesso dispositivo, sia esso un computer fisso sul desktop oppure un notebook portatile.

Avete mai pensato di usare una trackball al posto del mouse? Probabilmente sì e vi sarete anche scoraggiati poiché spesso prendono una forma ergonomica adatta soltanto alla mano destra.

Il vantaggio della trackball nei confronti del mouse è che rimane stabile e fissa sulla superficie di appoggio, questo permette di alleviare lo sforzo al polso specialmente evitando la fastidiosa attività di “salto del topo”.

In particolare la Trackman Marble permette di cliccare con il pollice anziché il dito indice minimizzando il rischio di incorrere nella fastidiosa sindrome del tunnel carpale.

Migliora anche il movimento ripetitivo di passaggio dalla tastiera al puntatore poiché quest’ultimo si trova sempre nella stessa posizione e non è necessario “andare a tentoni” alla ricerca del dispositivo sulla scrivania.

Chi utilizza un dispositivo portatile come il notebook è avvantaggiato poiché può appoggiarsi su qualsiasi superficie, irregolare, trasparente, morbida, flessibile.

In redazione la utiliziamo da quasi una decina d’anni (ne abbiamo fatta scorte in passato) e siamo fortunati poiché si tratta di uno di quei pochi accessori per computer che al posto di calare di prezzo, è aumentato! Quasi del doppio.

Il dispositivo di puntamento Logitech Trackman Marble è facilmente reperibile su Amazon. funziona immediatamente su tutti i sistemi operativi: GNU/Linux, Microsoft Windows e Apple Macintosh, non occorre alcun driver.

Chi ha notato che manca la classica “rotellina” avrà senza dubbio notato che la trackball dispone di ben 4 tasti. Oltre ai classici infatti ce ne sono due ulteriori programmabili, ad esempio come direzione della “rotellina”.

Taggato con: , , ,

Come scoprire se il cane è mancino

Muttley, il cane di Dick Dastardly

Muttley, il cane di Dick Dastardly

Anche i cani hanno una zampa dominante. Scoprire se il proprio cane è mancino è molto difficile poiché la percentuale di diffusione si aggira intorno al 50% mentre invece tra gli umani la percentuale è più bassa.

Secondo un recente articolo, i felici possessori di cani possono effettuare alcuni esperimenti per scoprire quale sia la zampa dominante del proprio animale domestico.

  1. “Qua la zampa”, quale zampa porge naturalmente?
  2. “Dammi il cinque”, cucciolo a zampe all’aria, avvicinare il palmo, quale zampa toccherà per prima il nostro palmo?
  3. “Premio raggiungibile” appoggiare un gioco o il cibo in una zona fuori portata, quale zampa userà per ottenerlo?
  4. “Festa!” quando è contento per uscire per la passeggiata, quale zampa ti colpisce per prima la gamba?

Occorre osservare una dozzina di volte questi comportamenti in varie situazioni per ottenere la risposta al proprio quesito: il mio cane è mancino?

 

Taggato con: , , ,